Valutazioni: perché sono utili?

La valutazione professionale del tuo manoscritto ti aiuta a comprendere quali sono i suoi punti di forza e di debolezza. Il parere oggettivo di un esperto è essenziale per capire come scrivi e su cosa devi eventualmente lavorare ancora.
Talvolta nel ricevere una valutazione professionale, l’autore apre gli occhi sul proprio stile e su possibili difetti di forma o di contenuto, migliorando moltissimo la sua capacità di scrittura.

I benefici del confronto con un esperto

Consapevolezza

Chi scrive è portato talvolta a pensare che le sue produzioni siano eccezionali e perfette. Tante sono state infatti le ore trascorse chini sulla tastiera. La tendinite al polso è diventata un’amica fedele. Per mesi hai meditato ogni notte sulla trama. Hai dialogato, litigato, odiato i tuoi personaggi. Poi ci hai fatto la pace e, alla parola fine, siete andati a bere qualcosa insieme.
Altre volte invece chi scrive si sente molto insicuro. Crede che ciò che ha prodotto abbia poco valore.

Una valutazione professionale ti offre un punto di vista oggettivo sul tuo lavoro. Un confronto gentile che mette in luce caratteristiche, pregi, difetti e potenzialità di un manoscritto.

Il parere di un esperto ti aiuta a vederci chiaro.
Cosa di buono ho scritto? Su cosa è meglio lavorare ancora? La mia opera ha una coerenza interna? Qual è il mio stile? Il tono di voce che uso è gentile, sarcastico, sardonico, altisonante, semplice, complesso? Il lessico è forbito?
A tutte queste domande risponde la valutazione del tuo inedito.

Maggiori probabilità di successo

Le case editrici ricevono tantissimi manoscritti. Un autore che si propone mostrando consapevolezza della propria opera, del target di riferimento e una certa padronanza del proprio stile ha senza dubbio maggiori probabilità di essere preso in considerazione.

Quali sono i parametri di una valutazione?

Una buona valutazione si compone dell’analisi dei seguenti punti:

Sinossi

In prima battuta, è riportata la sinossi del tuo inedito, ossia la spiegazione completa della fabula sino al suo epilogo.

Genere e target

Dall’analisi della tua opera, viene indicato il genere e il target di riferimento. Infatti non tutti i testi sono adatti a ogni tipologia di pubblico. Ci saranno opere più adatte agli adolescenti, altre ai Millennials, o ai bambini. Bisogna stabilire la cosiddetta audience di riferimento per sapere indirizzare il proprio lavoro alla giusta casa editrice.

Struttura

Un’opera può presentare strutture diverse. Che tipo di intreccio hai utilizzato? Ci sono testi che cominciano con sequenze prolettiche (anticipazioni) per poi raccontarci gli antefatti , come ad esempio accade in “Invisible monsters” di Palahniuk. Ci sono opere costruite con la tecnica del cosiddetto montaggio alternato come invece avviene in “1Q84” di Murakami.
Qual è la struttura della tua opera? La valutazione chiarisce l’utilizzo delle tecniche narrative e la loro efficacia.

Stile, tono, lessico, sintassi

Le opere possono avere uno stile variegato.
Ricordiamo “Le intermittenze della morte” di Saramago. La sua sintassi è disordinata, esplosa sulla pagina, priva com’è di virgole e altri segni di punteggiatura. Altre opere sono invece più classicheggianti e forbite, ad esempio “Lolita” di Nabokov.
Come si comporta la sintassi sulle tue pagine? È minimalista, lussureggiante, ariosa, ermetica? Ci sono molti aggettivi per definirla. Conoscere il tuo stile ti permette di essere consapevole della forza delle tue parole e di guidare la tua penna verso una narrazione originale e coinvolgente.

Personaggi, ambientazione

Altra domanda alla quale una valutazione risponde è sulla bellezza dei personaggi. Quante volte hai sentito l’espressione “i protagonisti di quel libro sembravano vivi”. E i tuoi come sono? Sono stati ben costruiti? Risultano verosimili? Coerenti?
Altro punto importante è l’ambientazione. Le descrizioni dei luoghi, seppur in certi casi solo accennate, riempiono adeguatamente lo spazio abitato dai character?

Punti di forza e punti di debolezza

Una buona valutazione fa anche un’analisi generale dell’opera e ti informa dei suoi punti di forza e di debolezza, in maniera complessiva.

Suggerimenti

Infine i consigli. L’analisi del testo chiude con alcune dritte molto utili per te. Su cosa devi ancora lavorare? La tua materia narrativa è sufficientemente focalizzata? È necessario tornare ancora sui personaggi per renderli con più efficacia? La sintassi è corretta e scorrevole?

Le parole non lette ti offre la valutazione che cerchi per comprendere i punti di forza e di debolezza della tua opera.
Un’analisi completa per avere successo nel mondo dell’editoria.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...